fbpx
NewsWedding Tips

Matrimonio al Ristorante Parco Gambrinus

By 23 Settembre 2019 No Comments

Matrimonio al Ristorante Parco Gambrinus Chiara e Matteo.

Chiara e Matteo sono una bella e frizzante coppia di sposi che ha scelto il Ristorante Parco Gambrinus come location per matrimonio a San polo di Piave. http://www.gambrinus.it/

Gli sposi si sono promessi il si per la vita nella Chiesa parrocchiale di Lancenigo alle porte di Treviso.

Dopo la sobria ed emozionante cerimonia nuziale siamo giunti al pluripremiato Olimpo della Ristorazione, quale è il Ristoranmte Gambrinus, sinonimo di eccellenza gastronomica.

Una bellissima giornata di sole settembrino ha coronato il magnifico Parco del Ristorante Gambrinus, ove regnano indisturbati i meravigliosi pavoni colorati e bianchi e gli stupefacenti cigni neri.

Nell’insieme di parenti ed amici l’aperitivo sotto le fresche frasche ha suggellato il buffet di squisite prelibatezze come sempre messe in opera dal mitico Cav. Chef Adriano Zanotto e dal suo prezioso staff.

Chiara e Matteo mi hanno scelto come loro fotografo di matrimonio, e ricordo Matteo che mi disse “ti abbiamo scelto per la tua empatia e perché il tuo approccio era di una persona che non voleva venderci nulla. 

Sembrerà strano ma è proprio così, io non devo vendere nulla ma semmai è la coppia di sposi che sceglie e mi “acquista” se sente che io sono la persona che hanno piacere di avere vicino con loro quel giorno.

Questo riconoscimento di Matteo lo sposo per me è grande energia positiva.

Lo shooting degli sposi si è consumato verso le ore 18.00 con una luce calda ed ammaliante che mi ha offerto la possibilità di mettere in risalto l’abito della sposa e il vestito dello sposo dell’Atelier Fausto Sari https://www.faustosari.com/

La bella giornata è trascorsa all’insegna della tranquillità e amici e parenti sono stati deliziati dalle fantastiche sonorità del gruppo “Cose di Famiglia” https://www.facebook.com/cosedifamiglia/

Nelle immagini che seguono  un riassunto della bella giornata.

 

Leave a Reply